Naïf: quando la semplicità incontra il gusto, ad Agrigento.

Semplicità, questa è la parola chiave del luogo e di tutto il suo concept. Arredamento caldo e ligneo, tinte chiare a contrasto per i dettagli, scorci di pareti in tufo si svelano al Naif, ristorante situato in centro città ad Agrigento. Incastonato come una perla, accoglie gli avventori in una delle tipiche scalinate che costeggiano come venuzze la via Atenea. Naif, che vuol dire semplice, è un progetto culinario e familiare, ad opera di Marco e Giusy, due giovani che hanno voluto investire nel posto in cui sono cresciuti, innestandolo con una nuova esperienza, fatta di carni selezionate, pesce freschissimo e prodotti rigorosamente a km0. L’idea del Naif nasce intorno al 2012/2013, ma vede la luce solo un anno dopo, nel 2014.

Figlio di imprenditori con esperienza quarantennale, Marco – che è anche lo chef del ristorante – sente la necessità di creare uno spazio nel quale poter mettere a frutto le proprie idee in chiave moderna. Un diploma all’alberghiero e la gavetta in giro per il mondo hanno permesso a Marco di apprendere la cultura alimentare di altre regioni d’Italia, soprattutto della Toscana con la sua passione maniacale per la carne di altissima qualità. Come un rivoluzionario della griglia allora ritorna nel borgo natìo, pronto ad affrontare la sfida di un’attività tutta sua. Con la moglie Giusy intraprende l’avventura nel Naif, confrontandosi con tutti i pro e i contro che ogni nuovo inizio può portare ma, col tempo, l’esperienza si rivela assolutamente positiva ed entusiasmante. La loro idea innovatrice di una cucina tradizionale viene ben recepita dalla clientela, molta della quale – conquistata – diviene fissa. Quando abbiamo chiesto loro quale fosse uno dei piatti che amano particolarmente, ci hanno detto:

I piatti per noi sono tutti speciali perché nascono da un lampo del momento, da una chiacchierata tra amici e dalla voglia di sperimentare nuovi gusti e sapori.

Proporre un piatto del menù, cucinarlo, significa già amarlo dal momento della sua creazione, quindi non ce n’è uno in particolare, sono tutti speciali. Sperimentare gli accostamenti tra i diversi sapori, divertendosi e in piena complicità, è fondamentale al Naif, che tra maioliche e rilassanti tinte pastello ci accoglie, con profumi e fragranze che a parole non possiamo raccontarvi. La cura dei prodotti a chilometro zero e una buona cantina di vini, si sposano con il desiderio di raccontare al cliente il senso di familiarità che troneggia nel ristorante e nel suo cuore, la cucina. L’appagamento migliore, per Marco e Giusy e, del resto, per tutto il loro staff, è la soddisfazione dei clienti. Riscoprire il contatto e generare fiducia nel cliente conosciuto, conquistarne di nuovi e lasciare un buon ricordo tra quelli di passaggio, è per loro una missione, che svolgono con pazienza e sacrificio.

Se un turista trascorre una settimana ad Agrigento, e viene a mangiare da noi anche quattro o cinque volte, questa è una vittoria. Gli abbiamo lasciato qualcosa di importante.

La spontaneità del Naif, si traduce col mettere tutti a proprio agio, guidandoli nella scelta degli abbinamenti tra cibo e vino, servendoli sempre col sorriso e proponendo sapori siculi, veraci, la cui ricerca non si ferma mai, unitamente alla voglia di conferire alla materia prima nuove forme, nuovi colori. Quello che ci ha colpiti del nostro incontro con gli ideatori del locale, è l’ottimismo e quel sorriso che ci ha fatto venir fame, e voglia di ordinare subito, magari invitandoli a sedersi con noi per godere della convivialità che i loro gesti trasmettono. Certi che torneremo, vi invitiamo ad andare a trovarli ad Agrigento, in via Vela 8. Avrete, come noi, la sensazione di aver trovato una famiglia del gusto, che vi accoglierà coi suoi sapori prelibati.

Ancora nessun commento

Facci sapere cosa ne pensi

Il tuo indirizzo email non sarà visibile e non lo condivideremo con nessuno, teniamo alla privacy